Cibi acidi, quali sono i sintomi dell’acidosi?

Tempo fa avevo già parlato dei cibi acidi e dei cibi alcalini in questo articolo. Ora invece voglio parlarti più approfonditamente dell’acidosi e della reazione che hanno i cibi acidi  all’interno del nostro organismo.

Per poter vivere in modo sano, l’organismo ha bisogno sia di cibi acidi che dei cibi basici, assunti in modo bilanciato.

Per verificare l’acidità o la basicità del sangue si valuta il pH. Se un organismo è neutro il pH sarà di 7, se acido il pH sarà inferiore di 7 e, se alcalino o basico maggiore di 7.

Normalmente un organismo in buona salute ha un pH leggermente alcalino del valore di 7,4.

Per mantenere il nostro organismo in buona salute dobbiamo assolutamente passare anche dall’alimentazione.

Noi siamo quello che mangiamo.

Se esageriamo con determinati cibi, con determinati farmaci (mai smetterli senza il consenso del medico), vita sedentaria, fumo e insufficiente idratazione, si va incontro ad alcuni disturbi legati proprio all’acidosi.

Nel mondo occidentale per esempio, il problema dell’acidosi è molto diffuso, questo è dovuto anche da un’alimentazione poco equilibrata, dall’eccessivo consumo di carne e di latte.

Secondo la teoria del ph alcalino*, un organismo sano dovrebbe assumere ogni giorno l’80% di cibi alcalini e il restante 30% di cibi acidi. In questo modo si dovrebbe preservare la salute e tenere lontane determinate malattie.

Quali sono i sintomi dell’acidosi?

Le tossine prodotte da un corpo acido riducono l’energia a quelle parti dell’organismo essenziali per la produzione di ormoni ed enzimi, assolutamente necessari per la vitalità delle cellule.

Il risultato di tutto ciò è una eccessiva stanchezza seguita da un indebolimento generale.

Il colesterolo alto è un altro segnale che sta ad indicare  che il nostro organismo è fortemente acido. Infatti il colesterolo, anche se viene considerato dannoso, in realtà serve per proteggerci dagli acidi del corpo. Fare sport  e mangiare bene, fa abbassare i livelli di colesterolo nel sangue e di conseguenza diminuire l’acidità.

Altro sintomo dell’acidità corporea è l’osteoporosi. Alcuni medici convenzionali, sempre secondo la teoria del pH alcalino*, riconoscono che il nostro corpo ruba calcio e sodio alle ossa per poter digerire i cibi acidi che a loro volta indeboliscono il sistema.

Inoltre, una persona con un pH acido risulta essere  molto sensibile e irritabile, spesso piena di muco e molto probabilmente ha malattie importanti.

Quali sono i cibi acidi che a lungo andare fanno male?

Ecco la lista dei cibi acidi che normalmente assumiamo

  1. Latticini
  2. Carne e crostacei
  3. Zucchero
  4. Aceto
  5. Funghi e alghe
  6. Arachidi
  7. Mais
  8. Cibi fermentati
  9. Uova
  10. Alcool

Come sapere se abbiamo un organismo acido?

Per verificare l’acidità del tuo organismo basta acquistare una semplice cartina tornasole disponibile  in tutte le farmacie o  online. L’uso della cartina tornasole è semplicissimo, basta bagnarla di saliva o di urina eseguendo il test al mattino a stomaco vuoto.

Se invece si preferisci  le analisi del sangue, il tuo medico potrà prescriverti le analisi direttamente in laboratorio.

Lettura consigliata sull’argomento

Valentina Olini

* alcune informazioni riportate hanno come fonte “il miracolo del pH alcalino” di Robert O. Young e Shelley Redford Young.

Green Magazine non da consigli medici e non si sostituisce al tuo medico. Questo articolo ha come scopo quello di informarti su una possibile teoria legata ai cibi acidi e basici. Ascolta il tuo medico prima di iniziare qualsiasi nuovo regime alimentare.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.