Quinoa, la madre di tutti i semi

La quinoa non è un cereale come molti pensano, ma è una pianta erbacea originaria del Sud America  (Bolivia e Perù) soprannominata la “madre di tutti i semi”.

Molteplici sono le sue proprietà, tanto da essere considerata una tra le piante con più proprietà nutritive del mondo; la quinoa  infatti è molto ricca di aminoacidi (ben 9, tra cui la metionina, aminoacido essenziale non prodotto dal nostro organismo utile per la metabolizzazione dell’insulina) e di riboflavina (vitamina B2, presente in quantità elevate nel latte), vitamina C ed E (antiossidante) ed amido.

La quinoa inoltre non è molto calorica  (372 calorie per 100 grammi – calorie.it) e può essere assunta anche dalle persone a dieta, da quelle con problemi cardiovascolari (essendo molto ricca di magnesio) e  da chi è celiaco in quanto non contiene glutine.

Questa pianta erbacea può essere utilizzata per moltissime ricette, come primi e secondi piatti.

E’ opportuno sciaquarla prima di utilizzarla per togliere la saponina, sostanza utile per fare i saponi ma che dona un retrogusto amaro al nostro piatto.

Quinoa e burgul alle verdure

Ingredienti

  • 250gr di quinoa
  • 3 zucchini
  • porro
  • 2 carote
  • pomodorini

Preparazione

  1. Far bollire la quinoa e il burgul per 12 minuti in acqua salata.
  2. A parte far soffriggere il porro con le carote tagliate finissime.
  3. Aggiungere gli zucchini
  4. Aggiungere un pò di dado fatto in casa per insaporire al posto del sale.
  5. Far cuocere.
  6. Quando le verdure saranno cotte aggiungere la quinoa e i burgul e mescolare bene.
  7. Aggiungere i pomodorini tagliati a cubetti (volendo si possono aggiungere unadurante la cottura assieme agli zucchini)

Ecco il risultato

burgul_quinoa_ricetta_greenmagazine.it

Immagine copertina by www.alterecofoods.com

 

 

Questo articolo ha 2 commenti.

  1. Marta

    Avete davvero un blog ben fatto! Sareste disponibili per uno scambio di post? ho un blog che tratta di argomenti simili, vi ho inviato una mail per scambiarci i dati. Grazie ancora!

  2. vincenzo

    Ho semplicemente aggiunto il tuo feed all’RSS Reader… continuo a seguirvi, Grazie!

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.