Tutti a Roma, per il Meeting delle Etichette Indipendenti

Roma è pronta ad accogliere un’altra edizione del Meeting delle Etichette Indipendenti, il grande festival che premia i talenti più validi della scena musicale ed editoriale indipendente italiana. Se pensate che si tratti dell’ennesimo evento legato alle scena hipster nazionale, vi sbagliate di grosso: certo, gli hipster non mancheranno, ma il festival vanta radici che vanno ben oltre, caratterizzandosi per un percorso già ricco di soddisfazioni e una lista di partecipanti capace di far invidia alle manifestazioni musicali più mainstream.

Il Mei si prepara a festeggiare i suoi primi vent’anni di attività, con un programma che si suddivide in tre giornate densissime di appuntamenti, a cui è possibile accedere in maniera totalmente gratuita. Tutto avrà inizio il 6 febbraio, con la presentazione di alcuni volumi inediti alla libreria IBS di Via Nazionale, a partire dalle 18. Dalle 21, invece, si svolgerà l’attesissimo Aspettando gli Oscar, che si terrà nella location ufficiale del festival – ovvero la Pelanda Factory, dove si susseguiranno tutti i successivi appuntamenti del Mei. Nella giornata del 6 febbraio saranno promosse le anteprime di diverse band della realtà musicale emergente nazionale, tra cui figurano i nomi di musicisti come i Karma in Distorsione, i Camillas, Ilenia Volpe & Le Malanime, Babalot, Elisa Rossi e Tommaso Di Giulio e Artù, giusto per citarne alcuni. Si andrà poi avanti con lo spezzone del festival dedicato alle sonorità hip hop: HipHop GrandeOnda. Questo vedrà esibirsi sui suoi palchi artisti come Strikkinino, Mattune, Virtus, Raptor, Inna Cantina, Marti Stone e Debbit, per poi lasciar spazio a Maxsi Factor, il contest per le giovani band della città.

Il 7 febbraio si prosegue con l’appuntamento di punta del Mei, ovvero la manifestazione Gli Oscar degli indipendenti – Roma Caput Indie, in cui verranno consegnati i rinomati premi PIMI e PIVI, rispettivamente il Premio Italiano Musica Indipendente e il Premio Italiano Videoclip Indipendente. Dalle 18 in poi, si esibiranno le band e verranno proiettati i video candidati agli “oscar indipendenti”, di cui ancora non sono stati resi noti i dettagli, che verranno però pubblicati a breve sul sito ufficiale del festival.

La manifestazione volgerà al termine l’8 febbraio con gli Stati Generali della Musica, che includeranno workshop, dibattiti, concerti, ascolti di gruppo e tutta una serie di iniziative volte a svelare i segreti dell’universo musicale agli appassionati. Prima che gli interessati si precipitino sul motore di Venere.com o qualsiasi altro portale per prenotare un hotel a Roma, è bene ricordare che l’evento è totalmente gratuito: è d’obbligo quindi concedersi tutte e tre le giornate, qualora sia possibile.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.